crescita personale

Come affrontare una giornata no

Alcune volte passiamo intere giornate senza riuscire a dedicarci interamente a quello che dovremmo fare.

Soprattutto in questo periodo difficile che stiamo vivendo tutti. È frustrante e demotivante, quindi spero che in questo video possiate trovare qualche spunto utile per voi.

Abbassa le aspettative

Abbiamo il vizio di scrivere ogni mattina elenchi infiniti di cose da fare. La famosa to do List. Trovo sia uno strumento utilissimo, se utilizzato nel giusto modo. Se riempiamo questa lista di impegni e cose da fare in modo irrealistico, non riuscirei a rispettarla, frustrandoci ancora più del dovuto. Cerca, piuttosto, di scomporre i tuoi obiettivi in micro obiettivi.

Ad esempio, se devi studiare un capitolo di un libro che conta 50 pagine, scrivi che devi leggere almeno 10 pagine. In questo modo, una volta che avrai raggiunto le 10 pagine ti sentirai soddisfatto per il lavoro fatto e magari ti verrà voglia di continuare.

Scrivi le piccole vittorie e premiati

Siamo fatti per notare più il negativo che il positivo. Ricordiamo benissimo i nostri fallimenti, i lavori non andati a buon fine. Tenere d’occhio le piccole vittorie permette di combattere questa nostra naturale tendenza alla negatività.

Puoi usare un piccolo quadernino solo per questo e ricordati di annotare anche i piccoli traguardi. Dovevi studiare per 4 ore e ne hai fatte 2? va benissimo, scrivilo nel diario. Creare questo quadernino ti aiuterà a vedere quante cose hai fatto e ovviamente aumenterà la tua motivazione e soddisfazione.

Esternalizza le tue emozioni

Se ti senti bloccato, probabilmente stai provando emozioni intense.

Potresti essere in ansia per un esame, arrabbiato per una cosa che è successa, seccato, preoccupato o triste. La cosa migliore è essere consapevoli dell’emozione che si sta provando ed esternalizzarla.

Sto provando ansia, rabbia, tristezza. Devo tirare fuori queste emozioni. O attraverso il corpo, ad esempio gridare contro un cuscino, giuro che funziona. Oppure attraverso la scrittura. Abbiamo detto varie volte che la scrittura è terapeutica, quindi scrivi nero su bianco tutto quello che ti passa per la testa, non autocensurarti e non preoccuparti della forma o della grammatica. Successivamente puoi anche bruciare il pezzo di carta.

Prendi una pausa.

Se ti accorgi che la tua testa proprio non vuole collaborare, che non riesci nemmeno a leggere una pagina, ascolta il tuo corpo.

Fai una passeggiata, muovi il corpo per liberare un po’ di tensione o non fare niente, fai un pisolino, guarda un film. Qualsiasi cosa che ti aiuti a distrarti e ricaricare le energie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...